MateGrafica con gusto

 “MateGrafica con gusto” nasce dall'idea di realizzare un'Unità Didattica che metta in relazione trasversale discipline all'apparenza inconciliabili come la matematica, la cucina e la grafica. Gli insegnanti hanno saputo dare forma e armonia al quotidiano lavoro in classe con gli allievi, trasformando singole lezioni a se stanti in un lavoro sinergico e ricco di stimoli. L'esperienza è finalizzata alla creazione di "menti d'opera", attraverso la valorizzazione di diversi stili di apprendimento degli studenti; attribuendo un valore diverso al concetto di laboratorialità si prospetta una visione di lavoro inteso non solo come atto pratico, ma come un processo di apprendimento volto a "imparare a lavorare".

“MateGrafica con gusto” inizia da un’attenta osservazione dei meravigliosi prodotti naturali, che vengono utilizzati come materia prima per la realizzazione dei piatti del menù (verdura, ortaggi, crostacei …) la quale induce una catalogazione ed uno studio per similarietà e caratteristiche comuni (processo cognitivo proprio del fare scienza e matematica) come, ad esempio, un’analisi per forma o struttura geometrica (cerchio negli anelli di cipolla, frattali nel broccolo romanesco), o per trasformazioni geometriche (simmetria nel pesce). Il nucleo dell'attività riguarda la stretta connessione di alcune teorie matematiche con il cibo: attraverso uno studio specifico delle discipline, gli studenti sono stati in grado non solo di apprendere concetti utili all'accrescimento del proprio sapere, ma soprattutto di acquisire le competenze finalizzate al proprio indirizzo di studi, mettendo in atto le conoscenze apprese sia nella pratica alberghiera, sia in quella grafica. Nello specifico gli allievi delle due classi seconde del Settore Alberghiero, dopo aver lavorato su circonferenza, frattali, simmetria, sezione aurea e successione di Fibonacci, hanno realizzato diversi studi di menu che potessero rappresentare le rispettive teorie matematiche. Successivamente, le classi seconde del Settore Grafico Multimedia hanno elaborato la veste grafica del progetto creandone il marchio e l'allestimento.

Fine ultimo del percorso formativo “MateGrafica con gusto” è l'evento conclusivo, che consiste nell'allestimento di una mostra matematica culinaria, durante la quale gli studenti hanno presentato i propri lavori.

Ecco quindi che l'attività diviene per gli allievi un’attenta analisi di scoperta della bellezza della natura che non si ferma ad un suo utilizzo finalizzato solo alla trasformazione della materia prima in ingredienti utili per l’elaborazione di un prodotto culinario, ma diviene piuttosto un’occasione di studio della stessa da un punto di vista culturale, critico ed astratto inglobando quindi “nel fare con le mani” discipline come la matematica, la cultura del territorio, le scienze, la lingua inglese. Questo processo diventa momento di osservazione ed elaborazione di concetti astratti attraverso la concretezza dell’operatività. Allo stesso tempo, il “commensale” che consuma il pasto conclusivo viene accompagnato in un percorso matematico appositamente studiato dagli allievi, attraverso illustrazioni e  materiali grafici che permettono di osservare e assaporare il percorso matematico nelle diverse portate del menù. 

"MateGrafica con gusto" è stato il progetto del "C.S.F. Stimmatini" di Verona presentato nell'Anno Formativo 2014/2015 al concorso regionale EBiRFoP "I makers dei CFP: intelleggiamo con le mani".

Visualizza i materiali prodotti nella gallery del sito.